Urbock23

Urbock 23° – forte ma con gusto

“Il cognac delle birre”

Urbock 23° è una birra speciale, presentata negli anni ‘70 come la birra più forte in Austria e prodotta secondo la Purity Law tedesca del 1516, con acqua, malto d’orzo e luppolo.

Si tratta di una birra corposa, con note di malto caramellato e aromi di frutta. Toni alcolici ben integrati ed una sensazione calda al palato. È caratterizzata da unbel colore biondo ed ha una gradazione alcolica di 9.6%. Perfetta in abbinamento con formaggi stagionati e carni saporite.

Urbock 23° viene fatta maturare 9 mesi nelle cantine del Castello di Eggenberg prima di essere imbottigliata per sviluppare al meglio la sua struttura con aromi pieni e strutturati..

Il numero 23 sta ad indicare i grammi di zucchero presenti in 100cc di mosto prima della fermentazione (Grado Plato).

 

IL PRODOTTO

La sua bottiglia scura e l’elegante etichetta nera e dorata rendono Urbock 23° riconoscibile a colpo d’occhio. Conosciuta nel mondo anche come il “cognac delle birre“, per la sua gradazione alcolica ed il sapore particolare che la rendono a tratti simile più ad un liquore che ad una birra, Urbock 23 è considerata da molti un prodotto da intenditori.
Urbock 23 è una birra di tipo Bock, prodotta in Austria dal Birrificio Schloss Eggenberg. Il birrificio, lo stesso che produce la famosa Samichlaus, è specializzato in birre con una capacità di conservazione e di invecchiamento estremamente lunga.
Urbock 23 ne è un esempio, può essere infatti conservata fino a cinque anni dopo la data di imbottigliamento.
Urbock 23 è una birra dal corpo pieno, con un gusto cremoso di malto e frutta ed un sapore intenso di luppoli che contribuiscono ad un finale amarognolo. Si percepiscono aromi intensi e ben equilibrati di spezie e frutta. Caratterizzata da un bel colore biondo dorato intenso, ha una gradazione alcolica di 9.6°.

 

 

Urbock 23 è perfetta in abbinamento con formaggi stagionati, carni saporite come il brasato o il tradizionale gulasch austriaco. In verità, si adatta benissimo anche a riscaldare una conversazione in una fredda serata invernale.